Supersport: Alfonso Coppola “Mi serve una pausa di riflessione”

Alfonso Coppola
Alfonso in azione al Motorland Aragon. Credit: STfoto.com.

Alla vigilia del sesto round del Mondiale Supersport 2019, in programma dal 7 al 9 giugno a Jerez de la Frontera, è arrivata la notizia della rottura tra Alfonso Coppola e il team Gemar Ciociaria Corse WorldSSP, che gli aveva affidato una delle sue Honda CBR600RR. Coppola sarà sostituito dal 16enne Gianluca Sconza, che affiancherà il tedesco Christian Stange fino a fine stagione.

Quest’anno Alfonso Coppola aveva iniziato la stagione del Mondiale Supersport con grande voglia di far bene, soprattutto dopo le difficoltà incontrate l’anno prima in sella alla Yamaha del team GRT (qui un’intervista rilasciatami quando ero a Corsedimoto). Già a Philipp Island, però, l’avventura era iniziata decisamente in salita, poiché “Foffy” aveva dovuto saltare la gara per un infortunio patito nelle prove. Le gare di Buriram, Motorland Aragon, Assen e Imola, poi, hanno visto il pilota di Poggiomarino non andare oltre il 17° posto.

 

Difficoltà

La gara del 12 maggio scorso all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari, conclusa con un ritiro per noie tecniche, è stata di fatto l’ultima di Coppola col team di Livio e Vincenzo Lorini. Quanto ai motivi della mancanza di risultati, Coppola ha ammesso a Palmen in Motorradsport: “Ho avuto problemi ad adattarmi alla Honda, che come moto è completamente diversa dalla Yamaha che guidavo nel 2018. Personalmente, mi trovo meglio con la Yamaha, che ritengo più adatta al mio stile di guida“. Il giovane campano ci tiene comunque a dire che il divorzio è stato consensuale: “Nel team mi sono trovato bene, soprattutto perché c’è una bella atmosfera. Ci siamo lasciati in buoni rapporti”.

Alfonso Coppola
Alfonso durante il Paddock Show a Philipp Island. Credit: Maree Lincoln Brooks.

 

Pausa

Per Alfonso Coppola l’ultimo anno e mezzo è stato veramente complicato. Approdato al Mondiale Supersport da vicecampione del mondo Supersport 300, nel 2018 “Foffy” non ha raccolto i risultati sperati a causa di alcuni problemi e della difficoltà ad adattarsi alla 600cc, moto decisamente (o troppo?) più potente e performante della 300cc. Qualche soddisfazione è arrivata, come quando a Brno è arrivato 14° dopo essere partito dai box, ma nel complesso la stagione è stata veramente difficile e lo stesso si può dire per le prime gare di quest’anno. Per questo motivo, Coppola ha preso una decisione molto importante: “Mi serve una pausa di riflessione, devo capire quale sia la migliore strada per il mio futuro.

Ritorno

Lasciarsi alle spalle l’ultimo anno e mezzo e ripartire con nuovi stimoli: questo è l’obiettivo che si è posto Alfonso Coppola per il futuro immediato. Un futuro che, in ogni caso, dovrebbe rivederlo su una Supersport: “Il mio sogno è correre nuovamente nel Mondiale“. Scartata, invece, l’ipotesi di un ritorno alla Supersport 300: “Il mio percorso in quella categoria è terminato nel 2017, ora voglio affermarmi con la 600cc. Comunque, ora preferisco prendermi del tempo per riflettere e non pensarci“.

 

Palmen in Motorradsport fa i migliori auguri per il futuro ad Alfonso, uno dei ragazzi più umili e simpatici del paddock WorldSBK.

 

 

 

 

 

 

Precedente Max Temporali si racconta a Palmen in Motorradsport (Parte 1) Successivo Gianluca Sconza, da Salerno al Mondiale Supersport a soli 16 anni