Supersport 300: ProGP Racing, vero e proprio team “rilancia-talenti”

Pro GP Racing
Vittoria di Matteo Bertè al Mugello (2019).

 

Tra le squadre all’esordio quest’anno nel Mondiale Supersport 300 c’è il team ProGP Racing. Fondata nel 2017 dall’ex-pilota Omar Menghi (fratello maggiore di Fabio), la squadra romagnola disputerà la sua prima stagione completa nel campionato dopo le wildcard dello scorso biennio, compresa quella che l’ha vista salire sul podio con Kevin Sabatucci nel 2018 a Imola.

La cosa interessante di questo team è il fatto che negli anni passati abbia contribuito al rilancio di diversi talenti prima in difficoltà, a cui ha fornito le risorse tecniche e umane per dimostrare nuovamente le proprie capacità.

 

Kevin Sabatucci

Il primo esempio che viene in mente è il già menzionato Kevin Sabatucci. Dopo alcuni anni difficili nel CIV Moto3, il pilota ascolano è passato alla Supersport 300 a metà 2017, quando gli è stato proposto di sostituire lo sfortunato Simone Mazzola. Con la Yamaha R3 del team ProGP Racing, Sabatucci è tornato a sorridere e a lottare per le prime posizioni e, tra 2017 e 2018, ha portato a casa una vittoria e altri dieci piazzamenti sul podio. Questi risultati, insieme al già menzionato podio da wildcard a Imola, lo hanno poi proiettato verso il Mondiale di categoria, dove l’anno scorso ha portato a casa una bellissima vittoria a Donington con la Yamaha del Team Trasimeno.

 

Kevin Sabatucci
Kevin Sabatucci sul podio a Misano (2018).

 

Matteo Bertè

Ad essere rinato grazie al team ProGP è anche Matteo Bertè (nella foto di apertura). Il giovane talento trentino ha ottenuto buoni risultati in PreMoto3 nel biennio 2015/16, ma la stagione successiva lo ha visto protagonista di una breve quanto disastrosa parentesi in Moto3, conclusasi dopo appena quattro gare. Nel 2018, Bertè è approdato al team ProGP come compagno di squadra di Sabatucci e già nella prima stagione è cresciuto costantemente, fino a portare a casa un bel podio a Vallelunga. L’anno scorso, invece, Bertè si è giocato il titolo italiano fino alla fine a suon di top-5 e podi, cogliendo anche la sua prima vittoria nella categoria al Mugello.

 

Simone Mazzola

Dulcis in fundo, si ricorda che nel 2017 il team aveva iniziato la stagione con Simone Mazzola. Il giovane romano veniva da alcune stagioni nel CIV Moto3 buone, ma senza tanti acuti, e nel 2017 ha colto l’opportunità di passare alla Supersport 300. A Imola, pronti via, Mazzola ha subito dato prova delle sue qualità con una straordinaria doppietta, tornando a vincere dopo tre anni di digiuno e regalando al team ProGP un esordio da sogno. Il tutto prima del grave incidente a Misano che, purtroppo, ha posto fine alla sua carriera…

 

Simone Mazzola ProGP Racing
Simone Mazzola a Imola (2017).

 

2020

Dopo le sfide delle ultime stagioni, quest’anno Omar Menghi e la sua compagine ne avranno davanti altre due. Oltre alla sfida del primo anno nel Mondiale Supersport 300 in sé, infatti, il team affronterà quella di aiutare altri due giovani in cerca di rilancio: Kim Aloisi, che proverà ad emergere dopo una difficile stagione di ritorno alle gare e qualche lesione, e lo spagnolo ex-Red Bull Rookies Cup e European Talent Cup Adrián Huertas, il cui rendimento nelle ultime stagioni è stato condizionato da diversi infortuni. Da segnalare che nonostante l’impegno internazionale e due concomitanze, la squadra continuerà ad essere presente nel CIV, dove schiererà Nicola Gianico e un altro pilota ancora da annunciare.

Riuscirà il team ProGP Racing a fare bene anche quest’anno? Lo scopriremo strada facendo…Intanto, in bocca al lupo!

Precedente Five questions to Filip Salač, Moto3 World Championship rider Successivo Intervista a Mika Pérez, pronto a riscattarsi nel Mondiale Supersport 300