Moto3: Albert Arenas e le “remuntadas” post-infortunio

La gara del Mondiale Moto3 svoltasi a Jerez de la Frontera ha visto Niccolò Antonelli e Tatsuki Suzuki regalare una fantastica doppietta al team Sic58 Squadra Corse (qui un bell’articolo pubblicato su E-Motors), mentre dietro di loro Celestino Vietti ha ottenuto il suo secondo podio in carriera arrivando terzo. Un’altra cosa da sottolineare della gara di ieri, però, è l’ottimo rientro di Albert Arenas.

 

Infortunio e “remuntada”

Pilota del Sama Qatar Ángel Nieto Team. Arenas è tornato in pista a Jerez dopo aver saltato le gare di Termas de Río Hondo ed Austin per infortunio. Lo spagnolo era stato vittima di un incidente in bici e aveva rimediato una lacerazione della milza, la frattura della sesta costola destra e varie contusioni. Un infortunio abbastanza importante, ma oramai alle spalle per Albert Arenas, che a Jerez si è fatto valere con una bella rimonta.
Ritrovatosi 16° dopo un contatto con Gabriel Rodrigo al primo giro, Arenas ha rimontato posizioni su posizioni fino a raggiungere il quinto posto. Il 22enne di Girona è arrivato a soli due decimi da Celestino Vietti e questo rappresenta un’ulteriore soddisfazione per lui e per il suo team.

 

 

Precedente

Una cosa che vale la pena sottolineare è che Albert Arenas aveva già fatto qualcosa di simile, ma addirittura migliore, nel 2017. Già allora pilota del team Aspar (poi diventato Ángel Nieto Team), in quell’anno il ragazzo catalano si era infortunato alla clavicola sinistra cadendo al Mugello (lussazione acromion-claveare, con rottura dei legamenti che uniscono la clavicola alla scapola) e questo lo aveva costretto a saltare i successivi GP di Barcellona, Assen e Sachsenring.
Tornato in pista a Brno, Arenas è dovuto partire dalla 32esima e ultima posizione a seguito di una penalità, ma in gara è stato protagonista di una furiosa rimonta che lo ha portato fino al 12° posto. Un ritorno a dir poco sensazionale per lui, soprattutto se si considera che allora guidava una Mahindra nettamente inferiore alle Honda e alle KTM.

 

Gas a tope!

Queste rimonte confermano quanto Albert Arenas riesca a essere competitivo dopo gli infortuni, cosa che aveva dimostrato nel CEV. Nel 2014, per esempio, lo spagnolo salì sul podio a Valencia dopo aver saltato varie gare per una lesione a una mano.

Detto questo, la quinta gara del Motomondiale 2019 si svolgerà il 19 maggio a Le Mans. Lo scorso anno la gara della Moto3 è stata piena di colpi di scena e a vincere, complice anche la (discussa) penalità inflitta a Fabio Di Giannantonio, è stato proprio Arenas…Riuscirà a ripetersi quest’anno?

 

Foto: Ángel Nieto Team

 

Precedente Testa a Testa #1: Roy Doti vs. Lee Doti Successivo Intervista ad Adrián Carrasco, pilota spagnolo al via del CIV Moto3