Morte Guillaume Juchet: Il ricordo della scuola di pilotaggio Trajectoire GP

Guillaume Juchet

Guillaume Juchet aveva compiuto 18 anni lo scorso gennaio e a giugno avrebbe terminato il liceo. Abitava in Bretagna.

Abbiamo scoperto Guillaume durante una delle nostre giornate in pista a Fontenay, nel luglio 2017. Guidava una 600cc e gli abbiamo proposto di provare la Honda CBR500. A settembre, Guillaume ha disputato la sua prima gara nella CBR500 Cup ad Albi, durante l’ultima prova del Campionato Francese FSBK. Nel 2018 ha disputato l’intera stagione della CBR500 Cup e dopo diversi piazzamenti a punti, ha concluso il campionato al 17° posto assoluto e al quarto nella categoria Junior. A fine 2018 abbiamo saputo che la CBR500 Cup sarebbe stata cancellata e quindi Guillaume e altri due piloti del trofeo sono passati alla Coupe de France Promosport 600cc. Seguivamo il suo andamento e a ogni gara faceva dei progressi, fino al tragico incidente che ce lo ha portato via.

Quando lo abbiamo scoperto, ci ha colpiti per la sua velocità e per il suo atteggiamento in sella, nonostante allora avesse soli 16 anni. Era un ragazzo equilibrato, ascoltava i consigli e non cercava mai di strafare. Come la sua famiglia, che lo accompagnava a ogni gara, Guillaume aveva sempre il sorriso sulle labbra, era sempre di buonumore ed era molto gentile. Anche per questo, ci mancherà molto.

(Karine e Francis Quinet, Trajectoire GP)

 

 

Parlare in queste circostanze è sempre molto difficile e soprattutto per questo Palmen in Motorradsport ringrazia sentitamente i titolari di Trajectoire GP, che hanno avuto il coraggio di scrivere queste parole.

 

Precedente Benjamín Molina, dal Cile al Mondiale Supersport 300 Successivo Supersport 300: Intervista a Scott Deroue, pilota dei tre mondi