Dylan Delouvy debutta a sorpresa nel Mondiale Supersport 300

Dylan Delouvy
Dylan in trionfo nel 2018 a Carole. Secondo classificato Mateo Pédeneau, attuale protagonista del Mondiale Supersport 300.

Essendo la Supersport 300 accessibile sia dal punto di vista tecnico, sia a livello di costi, questa categoria rappresenta un’importante opportunità anche per piloti con scarsa esperienza. Non fa assolutamente eccezione il Mondiale di categoria: dalla sua nascita, il WorldSSP300 ha avuto sulla griglia piloti già affermati, sì, ma anche ragazzi con alle spalle pochissimi anni di gare o piloti con esperienza a livello più amatoriale che professionistico. Nel 2017 ci fu il caso dell’italiano Nicolas Cupaioli (dettagli qui), mentre quest’anno si può parlare, per esempio, del 26enne Dylan Delouvy.

 

Carriera

Classe 1993, a Portimao Delouvy esordirà nel WorldSSP300 col Team Flembbo, affiancando Samuel Di Sora in sella a una Kawasaki Ninja 400. Il pilota di Brunoy (piccola città francese a 25 km da Parigi) ha guidato per la prima volta una moto a 17 anni e successivamente ha iniziato a correre in un campionato amatoriale con una 600cc. Nelle due stagioni passate, ha corso con buoni risultati nella Coupe de France Promosport 400, dove ha centrato diversi piazzamenti nella top-10 e, nel 2018, anche un podio assoluto e una vittoria nella Yamaha R3 Cup a Carole (foto di apertura). Quest’anno Dylan Delouvy aveva temporaneamente appeso il casco al chiodo, tanto da trascorrere cinque mesi in Nuova Zelanda.

 

Dylan Delouvy Team Flembbo
Dylan sulla Kawasaki del Team Flembbo a Portimao.

 

Ritorno in grande stile

Terminata l’esperienza all’estero, ora Dylan Delouvy ha la possibilità non solo di tornare in pista, ma anche di debuttare in un campionato del mondo. Reduce da una giornata di test a Portimao insieme al Team Flembbo, Delouvy avrà questa possibilità grazie anche al rapporto che ha con Laurent Engel (titolare della squadra). In ogni caso, però, il giovane non si aspettava tutto questo: “Speravo di riuscirci, un giorno, ma per arrivare a questi livelli bisogna essere particolarmente dotati, anche a livello economico. Per me questa è un opportunità incredibile e spero di sfruttarla al meglio e di raggiungere il mio obiettivo, che è quello di qualificarmi alla Main Race della domenica.

Ci riuscirà? Intanto bonne chance, Dylan! 🙂

Precedente Jacopo Cretaro continua il suo percorso nell'Endurance Successivo Robert Schotman lascia il Mondiale Supersport 300