CIV Superbike: La rinascita di Andrea Mantovani al Mugello

Andrea Mantovani Tutapists Corse ELF CIV Superbike
Andrea in azione al Mugello.

 

Mentre l’attenzione era principalmente su Michele Pirro e Lorenzo Savadori, in lotta per il titolo, il quinto round stagionale dell’ELF CIV Superbike regalava un’altra bella storia da raccontare. Il protagonista? Andrea Mantovani, che dopo un periodo travagliato ha sfiorato il podio in Gara 1 per poi conquistarlo il giorno dopo in Gara 2.

 

Hard times

Per Mantovani il 2019 è stato tutt’altro che facile. Partita con grandi speranze, la stagione è stata fin da subito condizionata da varie difficoltà e al round inaugurale, svoltosi lo scorso marzo a Misano, non si è andati oltre due ottavi posti. Le due tappe successivamente andate in scena al Mugello e a Imola sono andate ancora peggio, poiché Mantovani ha collezionato quattro ritiri in altrettante gare. In particolare, in Toscana il pilota di Ferrara è caduto in Gara 1 per un problema ai freni ed è finito a terra anche nella corsa della domenica, tradito dalla pioggia. A Imola, invece, “Manto” si è fermato in Gara 2 ancora per problemi ai freni, non prima di aver vissuto un’esperienza alquanto travagliata in Gara 1 (qui il racconto del pilota sui social).

Di questo passo la collaborazione tra Mantovani e il team BMW Berclaz Racing non poteva andare avanti e quindi, poco prima del quarto doppio round stagionale a Misano, si è arrivati alla rescissione del contratto. La squadra svizzera ha poi ingaggiato Lorenzo Lanzi, che sta contribuendo allo sviluppo della BMW S1000RR 2019.

 

La rinascita

Guardare i suoi colleghi in TV non è certo quello che si aspettava Andrea Mantovani, ma il pilota non si è mai perso d’animo e durante l’estate ha continuato ad allenarsi, lavorando nel frattempo con la Riding School di Luca Pedersoli. Fortunatamente per lui, la pausa dalle gare non è durata così tanto e il 21 e 22 settembre scorsi, Mantovani era al Mugello per il quinto doppio round dell’ELF CIV Superbike 2019. Il team Tutapista Corse BMW era in cerca di un pilota che sostituisse Christian Gamarino (impegnato nel Bol d’Or, tappa inaugurale del Mondiale Endurance 2019/2020) e la scelta è ricaduta proprio su Mantovani.

A dimostrazione di come le sue qualità siano rimaste intatte, il ferrarese ha subito ricambiato la fiducia del team centrando la prima fila nelle qualifiche e in gara ha occupato stabilmente la terza posizione. Se purtroppo Gara 1 si è conclusa in anticipo per un problema tecnico, in Gara 2 è filato tutto liscio e Mantovani è riuscito a conquistare un bellissimo podio, più di un anno e mezzo dopo il suo ultimo risultato nella top-3 (terzo in Gara 2 al Mugello nel 2018, con l’Aprilia del team Nuova M2 Racing). Mentre Pirro festeggiava il suo settimo titolo italiano e Savadori consolidava il secondo posto in campionato, un più che raggiante Andrea Mantovani festeggiava la sua rinascita, regalando anche il primo podio stagionale al team Tutapista Corse.

 

Michele Pirro Lorenzo Savadori Andrea Mantovani
Andrea sul podio in Gara 2, con Michele Pirro e il vincitore Lorenzo Savadori. Credit: Fabrizio Porrozzi.

 

To be continued…

Quanto successo al Mugello conferma la competitività di Andrea Mantovani, che già più volte aveva dimostrato di essere un bravo pilota. Negli ultimi anni ha portato a casa diversi podi nel CIV tra 125 (2012), Supersport (2015) e Superbike e in più, nel 2016 ha chiuso decimo nella Superstock 1000 FIM Cup, al primo anno in un campionato internazionale e in sella a una moto privata (la Yamaha del team Guandalini Racing). Nel biennio 2017/2018 ha corso nel CIV Superbike con l’Aprilia del team Nuova M2 Racing e anche lì ha ottenuto alcuni buoni risultati, pur con alti e bassi. Come va quest’anno, lo sappiamo già…

 

Andrea Mantovani
Andrea in azione a Misano nel 2016. Credit: Alessandro Palma.

 

Dopo un risultato ben superiore allo standard stagionale di pilota e squadra, il rapporto tra Mantovani e Tutapista Corse non poteva fermarsi alle sole gare del Mugello. E infatti, il quasi 25enne ferrarese correrà col team di Fabrizio Biasion anche a Vallelunga, che dal 4 al 6 ottobre ospiterà l’ultimo round stagionale dell’ELF CIV.

Dopo aver raccontato con grande piacere questa storia, Palmen in Motorradsport augura ad Andrea Mantovani buona fortuna per il finale di questa stagione, nonché per il futuro.

 

Precedente An interview with Lorenzo Savadori ahead of his WorldSBK comeback Successivo Moto3: An interview with Maximilian Kofler, young rising star from Austria