Alberto Ferrández: “Voglio vincere sia il CIV che la European Talent Cup”

Alberto Ferrández ELF CIV PreMoto3
Alberto.

 

Il 2020 è un anno pieno di novità per Alberto Ferrández, che dopo la parentesi nell’ESBK Moto4 (col team Fau55 Racing di Héctor Faubel) ha intrapreso un’importante doppia avventura tra European Talent Cup ed ELF CIV PreMoto3. Che è iniziata alla grande…

Originario della Comunidad Valenciana, il 12enne (!) Ferrández ha esordito nella ETC col team Cuna de Campeones e ha subito ottenuto due terzi posti a Estoril e un secondo posto a Portimão, risultati grazie ai quali è secondo in campionato dietro a David Alonso. Il giovanissimo pilota spagnolo si è poi recato in Italia per debuttare nell’ELF CIV PreMoto3, dove ha nuovamente dimostrato le sue qualità con la moto del team 2WheelsPoliTO (squadra del Politecnico di Torino). A Misano, infatti, Ferrández ha vinto subito in Gara 1 e ha concluso Gara 2 con un ottimo terzo posto, assicurandosi 41 punti e collocandosi quarto nella classifica piloti a sole 28 lunghezze dal leader Cristian Lolli. Il tutto nonostante l’assenza alle gare del Mugello di inizio luglio, dovuta alla concomitanza col round della European Talent Cup a Estoril.

Intervistato da Palmen in Motorradsport, Ferrández ha commentato questo suo momento di forma in modo conciso, ma molto chiaro: “Mi sento davvero forte e credo che quest’anno possiamo fare molto bene“.

 

Alberto, hai esordito nel CIV con una vittoria e un podio. Mica male…

Sì, il weekend è andato veramente bene. Entrambe le gare sono state molto difficili e combattute. In Gara 1 alla fine siamo rimasti solo in due a giocarci il primo posto, ma nella gara della domenica ho dovuto lottare con molti più avversari, anche negli ultimi giri. Sono molto contento di com’è andata e voglio ringraziare il team 2WheelsPoliTO, la mia famiglia, i miei sponsor e tutte le altre persone che mi sostengono.

 

Sei partito molto bene anche nella European Talent Cup. Cosa racconti delle prime gare di quest’anno?

Il livello nella ETC è altissimo e vincere è davvero un’impresa ardua. Non ci siamo ancora riusciti, ma ho ottenuto tre podi e questo è molto positivo per il campionato, dove ora sono in seconda posizione. Le prime gare sono state combattutissime fino all’ultimo giro e, in generale, sono molto contento del mio debutto.

 

Alberto Ferrández European Talent Cup
Portimão 2020. Credit: FIM CEV Repsol

 

Qual è il tuo obiettivo nel CIV? E nella European Talent Cup?

Semplice: voglio vincerli entrambi!

 

Che differenze ci sono tra la Honda che usi nella ETC e la 2WheelsPoliTO?

Sono molto diverse in termini di potenza, ma per il resto sono più o meno uguali.

 

Tra l’altro, il team 2WheelsPoliTO ti ha affidato una moto “laboratorio”, su cui stanno sviluppando diverse soluzioni in ottica 2021. Come ti senti a ricoprire questo ruolo di, diciamo, collaudatore?

Mi piace, lo trovo molto stimolante. Sviluppare una moto e cercare di vincere non è semplice, anche perché il livello è molto alto pure nel CIV, ma daremo il massimo a ogni gara. 

 

Come è stato passare dall’ESBK Moto4 a questo doppio impegno?

È stato un gran salto, ma mi trovo molto meglio rispetto al 2019. Nella Moto4 andavo forte (tre podi e terzo posto in campionato, ndr), ma ero già alto e pesante per moto così piccole e ciò mi ha penalizzato molto. Al contrario, le moto che utilizzo quest’anno si adattano molto meglio al mio fisico e il peso non è un problema.

 

In conclusione, qual è il tuo obiettivo per la prossima tappa della European Talent Cup, a Jerez?

Lo stesso di sempre: vincere!

 

Palmen in Motorradsport ringrazia Alberto Ferrández per la disponibilità e gli augura il meglio per il prosieguo della stagione 2020.

Precedente Giacomo Donadio, un ritorno da favola Successivo INTERVISTA Dallo sci alle moto: la nuova carriera di Matthias Lanzinger